Archive for agosto 2009

calma piatta
27 agosto 2009

Con quest’afa, queste nuvole, questo mare, e questa calma piatta intorno, il cd di Vecchioni proprio non ci voleva.
Che era facile stare bene e stupirsi di stare bene, guardare pezzi di me che si sgretolavano e passare oltre, continuare a correre senza tregua.
Ce l’avevo addosso, un pò di paura del ritorno alla normalità.
Di doversi guardare dentro e trovarsi così, come adesso.
E trovare qualcuno che l’ha già espresso meglio di me.
 
Sarà il vento della sera
che mi sfoglia, che mi svela, che mi intride il cuore;
sarà questo rivedere la mia vita
come un grande inimitabile perduto amore;
sarà che mi sento stanco
di pensieri, di parole, di persone e anche di idee,
questo mare che va sempre avanti e indietro
con le sue maree

Sarai tu coi tuoi vent’anni
che mi vedi come fossi il re del mondo;
sarà il cane che mi guarda come un cane
e piscia sempre controvento;
sarai tu coi tuoi vent’anni
che mi sfiori con le ali per volare via,
e sarà che mi sembra un figlio
perso in guerra la malinconia;
ma stasera all’improvviso mi succede,
e non c’entri tu…non amo più
ninni ninni ninni ninni ni non amo più
ninni ninni ninni ninni ni non amo più

Sarà il sogno che si perde
se lo chiamo non mi sente, non risponde più
sarà questa donna triste
che ho lasciato senza un gesto scivolare giù,
sarà colpa dello specchio che riflette
l’altro uomo che vedevo allora,
quello che mi ha fatto un mucchio di promesse
e non è stato di parola

Sarà il libro che leggevo
la canzone che credevo mia
o sarà semplicemente che il mio pene
non ha più nessuna fantasia,
sarai tu coi tuoi vent’anni
che sei qui per caso e che mi dai la mano,
sarai tu coi tuoi vent’anni
sarà questa tosse, sarà questo fumo,
ma stasera non puoi farci niente
neanche tu…non amo più
ninni ninni ninni ninni ni…non amo più
ninni ninni ninni ninni ni…non amo più